LEGGI BENE PRIMA DI PROSEGUIRE... Nel corso degli anni, con questa pagina, ho aiutato tantissime persone sia per risolvere i loro problemi sul mondo lavorativo, universitario e/o di semplice interesse personale. Siccome realizzare un tutorial porta via MOLTO tempo ti sarei grato se tu, visto il grande benifico che ne puoi giovare da questa pagina, donassi qualcosa per il mantenimento della stessa... 1, 2, 5 o 10 € cosa sono alla fine dell'anno? Nulla rispetto alle ore che ti ho fatto risparmiare nella ricerca di una soluzione rapida ed indole. Ammettiamolo, senza alcuni di questi tutorial avresti passato ore ed ore a cercare nel web perdendo tempo prezioso per il tuo lavoro oppure avresti dovuto pagare un corso online o un professionasta (mediamente dalle 30 alle 60 € ora+IVA) rispetto che averlo GRATIS da questa pagina. Quindi... Se credi che ti sia stato di aiuto allora fai una piccola donazione, se invece credi che tutto ti sia dovuto perché è free e perché nel web nulla si paga e che ti abbia rubato tempo allora sei libero di non farla e di usufruire ugualemnte del servizio che ti offro gratuitamente da anni. Grazie per la tua attenzione, collaborazione e correttezza :)

Render Element and Compositing Base level

Il compositing è una tecnica ormai molto utilizzata nel settore delle animazioni, permette di avere un maggior controllo sul risultato finale con il vantaggio (in alcuni casi) di poter diminuire i tempi di rendering in fase produttiva. Infatti non sempre viene elaborato un render con tutti gli effetti che servono, ma si possono effettuare più render spezzettando il file in base a quello di cui necessitiamo. In questo tutorial non scenderemo troppo nel dettaglio, ma vedremo come poter agire su una scena nel settore dell'Arch-Viz. Per prima cosa impostiamo una scena basilare e se la renderizziamo otterremo un render unico (come si vede nell'esempio di questo articolo).


Per poter estrarre i vari “layer” che compongono la nostro immagine dobbiamo abilitare e impostare il tutto dalla paletta dei Render Elements nel Render Setup... (F10 da tastiera).


Elements Active: Attiva gli elementi e quindi la possibilità di renderizzare i vari passaggi ( =pass).

Display Elements: Permette di visualizzare in una o più finestre, in base al numero di pass che abbiamo attivato, i vari elements che andremo a renderizzare.

Add... : Questo pulsante permette di scegliere i vari pass da estrapolare, cliccandoci sopra vedremo che si aprirà una finestra di dialogo dalla quale possiamo scegliere i vari canali, come per esempio Shadows, Alpha, Diffuse, ecc... Se utiliziamo motori di render come Mental Ray o V – Ray è consigliabile utilizzare i pass con il prefisso del motore di resa (es: mr A&D Out: Beauty).

Merge... : Permette di incollare gli elements di altre scene in quella presente.


Non c'è una regola ben precisa per i canali da estrapolare, naturalmente più ne abbiamo più possiamo controllare l'immagine, ma solitamente quelli che vengono estratti sono Alpha, Diffuse, Specular, Reflection, Refraction, Shadows, Lighting e Velocity nel caso avessimo degli oggetti animati con l'opzione Motion Blur attiva. Una volta scelti i nostri pass possiamo, cliccando sull'icona con i puntini, assegnare il persocrso dove saranno salvati e il formato. Il mio consiglio è di non salvare mai questi elements in versione *.Jpeg, ma di sceglierne una con il canale alpha ( *.Tiff, *.Tga, *.Exr, *.Hdri) in modo tale da non doverlo calcolare sempre. In questo tutorial possiamo salvarlo in versione *.Tga stando attenti alle impostazioni come si vede in figura.


Una volta impostati gli elements e lanciato il render ci ritroveremo in una situazione come riportato nell'esempio sottostante dove i pass vengono visualizzati in molte finestre diverse e il render a “completo” (detto anche Beauty Pass) nella classica finestra del render. Possiamo controllare anche che nella nostra cartella ora esistono due tipologie di file *.Tga, come per esempio, A_Shadows.tga e Shadows.tga. Il primo è il canale Alpha che possiamo usare separatamente, mentre il secondo sono le ombre, in questo caso. Aprimo pure i vari step e il render beauty in Photoshop.


Una volta aperti i vari Pass noteremo qualcosa di strano, per esempio nelle ombre, questo perché alcuni software, come Adobe Photoshop, non sono adatti per il compositing e non riescono a visualizzare correttamente i vari elements.

Vediamo come migliorare o variare le ombre nel nostro render. Selezioniamo il canle Alpha e incolliamolo nella paletta dei Canali del render a colori, questo ci permetterà di poter selezionare comodamente le aree che ci interessano (tenendo premuto il tasto shift e cliccando con il sinistro, per esempio, sul canale Alpha delle Shadows possiamo attivare una selezione oppure caricandola dal menù a discesa... Selezione->carica selezione...).


Una volta effettuata la selezione possiamo riempirla con un colore a piacere e gestirne la sua opacità, vi consiglio di caricare la tinta unita dai livelli.


Se volessimo migliorare lo specular possiamo semplicemente portarlo sopra il nostro render e poi fonderlo con le opzioni di fusione come si vede da figura. Il compositing è molto soggettivo quindi qualsiasi impostazione andiate ad usare può essere ottimale, non esiste la combinazione matematicamente corretta per tutte le immagini.


Ecco il nostro risultato Finale.


Come vi ho detto prima Adobe Photoshop non riconosce i vari pass correttamente, software come Adobe After Effects, Autodesk Combustion, Eyeon Fusion ecc... permettono invece di riconoscere realmente la natura del render elements e appliccarlo senza grandi sforzi, nell'immagine seguente un piccolo esempio di come aggiungendo i vari step si possa ottenere un'immagine con maggiore controllo.


MATTEO MIGLIORINI - EDUCATIONAL